Aaron Schuman, Slant, 2019

40 Euro

AnnaLunaAstolfi_32-1

Out of stock

Se aprissi il giornale locale della piccola città del New England di Amherst, Massachusetts, come fece un giorno Aaron Schuman, potresti trovare una sezione intitolata “Rapporti della polizia” – resoconti succinti e straordinariamente anticlimatici di crimini, attività sospette, eventi e non-eventi riportati nella zona durante la settimana precedente. In Slant, Schuman intreccia una selezione di questi ritagli pubblicati tra il 2014 e il 2018, con fotografie tranquillamente ironiche che ha fatto in un raggio di trenta miglia da Amherst dal 2016 al 2018, in risposta alle loro descrizioni involontariamente impassibili. Ciò che è iniziato come una presa in giro genuinamente affettuosa delle piccole città in cui Schuman ha trascorso la sua infanzia è venuto costantemente a riflettere l’inquietante aumento di “fake news”, “fatti alternativi”, politica “post-verità” e paranoia in America dopo le elezioni del 2016. La combinazione sottilmente eccentrica di immagini e parole di Schuman, tuttavia, è sempre stata incline a creare un senso di inquietudine. In Slant, il rapporto che è stato costruito tra fotografia e testo prende ispirazione da uno schema poetico chiamato ‘slant rhyme’, in particolare sposato dalla poetessa del 19° secolo Emily Dickinson, che ha anche vissuto e scritto ad Amherst. In tale schema di rima, “c’è una stretta ma non esatta corrispondenza di suoni, spesso usando l’assonanza o la consonanza; generalmente è usato nella poesia per dare variazioni e una sensazione disarmonica”. Appropriandosi di questo dispositivo letterario, Slant serve come una riflessione più ampia su qualcosa di strano, surreale, dissonante e sempre più sinistro che si muove sotto la superficie del paesaggio, dell’esperienza e della psiche americana contemporanea.

Aaron Schuman, Slant

Mack, 2019

26 x 22 cm

88 pages

Hardcover

English

ISBN: 978-1-912339-38-9