PURTROPPO RIMARREMO CHIUSI FINO AL 4 APRILE, SPERIAMO DI DARVI PRESTO QUALCHE AGGIORNAMENTO. PER FORTUNA PERO' IL NOSTRO SITO, LE SPEDIZIONI E I NOSTRI SOCIAL NETWORK FUNZIONANO COME AL SOLITO. CONTINUATE A SEGUIRCI!

Marzo 2020

Presentazione Venerdì 6 marzo, ore 19,

Natasha Christia, Ripensare il libro (fotografico) Un racconto attraverso taccuini di ricerca e progetti curatoriali

L’incontro, in occasione del workshop Curating and Exhibiting Photography, affronterà l’approccio critico di Natasha Christia al libro fotografico come campo d’azione, presentando una narrazione estesa della sua personale relazione con i libri fotografici a partire dai suoi taccuini di ricerca e dai suoi progetti curatoriali degli ultimi cinque anni. Natasha Christia racconterà come questa relazione si sia sviluppata in un insieme autonomo e come abbia alimentato la sua pratica curatoriale, arricchendo e mettendo in discussione le sue idee a riguardo. Partendo dal presupposto che una contemplazione genuina del fotografico sia possibile solo oltre i rigidi confini del medium, si parlerà dell’esperienza del libro basato su una narrazione visiva in quanto mezzo efficace e destabilizzante per porre domande sulla dissoluzione di dicotomie, l’impegno sociale e la scrittura di una possibile narrazione del futuro.

Curating and Exhibiting Photography è un workshop rivolto a curatori e artisti – indipendenti, che lavorano per istituzioni, o che stanno iniziando la loro attività curatoriale – che si occupano di fotografia o in generale di lens-based media. L’obiettivo di questo workshop è fornire strumenti per poter sviluppare un proprio linguaggio espositivo nei diversi contesti (gallerie, festival, etc.)
Quando pensiamo a mostre di fotografie in contesti istituzionali, festival o programmi di istruzione, sorgono diverse domande: per chi curiamo mostre di fotografia? Qual è il nostro ruolo come produttori/curatori di contenuti? Come possiamo sviluppare una storia, un concept, una domanda, su una parete o nello spazio? Come possiamo integrare i lavori di fotografia autoriale all’interno delle narrazioni contemporanee transmediali senza violare la loro essenza materiale e concettuale?
Il programma del workshop vuole includere queste e altre domande teoriche e pratiche:
Dalla genesi concettuale e dall’interazione delle idee sino alla sinergia e approfondimento con gli artisti; dal budget al lavoro sul campo e la realizzazione. Particolare attenzione sarà rivolta a quello che succede dopo l’allestimento e l’inaugurazione, a come il contenuto può essere veicolato a partire da una semplice esposizione sul muro fino a interazioni complesse con il pubblico attraverso azioni o programmi educativi.

Il workshop si svilupperà in due weekend.

Il primo sarà dedicato all’analisi e al dibattito su argomenti teorici e pratici riguardanti la curatela, la realizzazione di mostre e la comunicazione di progetti curatoriali nella forma di esposizioni.

Il secondo weekend sarà dedicato, invece, alla revisione e allo sviluppo di progetti individuali: ai partecipanti sarà chiesto di applicare i concetti affrontati durante il workshop nei loro progetti personali.

La partecipazione al primo weekend è obbligatoria per prendere parte al secondo week end di formazione.

PROGRAMMA

Weekend 1 (Teoria)

Sabato 7 Marzo

10:00-13:00 Introduzione: Il mondo della fotografia – i cambiamenti degli ultimi 15 anni nelle mostre e nelle pratiche curatoriali – una breve panoramica sulla storia della fotografia – esposizioni – nuove modalità

14:30-18:00 Cosa è o può essere un’esposizione? Cos’è la curatela?
Una mappatura di processi curatoriali ed espositivi 1: Concetti / tipi di allestimento e linguaggi (stampe, libri o altri media) / realizzazione / materali / budget / pubblico di riferimento / design / comunicazione / documentazione – il dopo inaugurazione

Domenica 8 marzo

10:00-13:00 Una mappatura di processi curatoriali ed espositivi 2: Come funzionano e cosa mostrano modelli diversi in diversi contesti (gallerie, festival, istituzioni, installazioni pubbliche)

14:30-18:00 Curatela e strutture di potere – problemi di condotta etica –pratica e impegno con gli artisti – il pubblico (il grande sconosciuto) – attivare uno spazio espositivo

Weekend 2 (Progetti)

Sabato 14 Marzo

10:00-13:00 Revisione dei progetti dei partecipanti e richieste pratiche / Dibattito

13:00-14:30 Pausa Pranzo

14:30-18:00 Sessione di lavoro / tutoraggio individuale

Domenica 15 Marzo

10:00-13:00 Revisione dei progetti dei partecipanti e richieste pratiche / Dibattito

14:30-16:30 Revisione dei progetti dei partecipanti e richieste pratiche / Dibattito

16:30-18:00 Conclusioni

Info e iscrizioni: leporello.books@gmail.com

Per partecipare al secondo workshop

I partecipanti saranno selezionati sulla base delle candidature – breve nota biografica, curriculum e una proposta di progetto curatoriale (può essere un progetto su un lavoro altrui o sul proprio)
Per il workshop, occorre portare il proprio computer e avere le conoscenze di base di uno dei seguenti programmi: Photoshop/ Indesign/ Illustrator/ Mural/ Sketch Up

Natasha Christia è una curatrice indipendente, scrittrice ed educatrice con base a Barcellona. È consulente per collezioni e rivenditrice specializzata in arte, fotografia e libri fotografici. Le sue ricerche si focalizzano sull’esplorazione e reinvenzione delle narrazioni dominanti attraverso nuove letture di fondi archivistici, contaminazioni tra fotografia, film, libri fotografici e tramite il dialogo tra le forme di espressione contemporanee e fotografiche che vengono spesso etichettate come post-fotografia.

Christia è stata la direttrice artistica della quarta edizione di DOCField Documentary Photography Festival 2016, dedicato al tema “Europa: Lost in Traslation”.
Ha curato diverse mostre, tra cui, nel 2017 Uncensored Books (Belgrade Photo Month; Minimum Studio, Palermo), AMORE: An Unfinished Visual Trilogy by Valentina Abenavoli (Void/Athens Photo Festival), Dragana Jurisic: My Own Unknown (Centre Culturel Irlandais, Paris), and Reversiones (Centro de la Imagen, Mexico City); e, nel 2018, Lukas Birk: Travelogue Sammlung (Belgrado Photo Month; Galerie Hollenstein, Lustenau; Noks Independent Art Space, Istanbul) e The Family of No Man (mostra co-curata con Brad Feuerhelm, Cosmos Arles Books). Christia è stata la curatrice per il Cracovia Photomon della mostra, You Are What You Eat, una mostra collettiva su cibo, ideologia e identità politica.
Dal 2008, insegna fotografia nelle scuole sia in Spagna che all’estero. Scrive regolarmente saggi di critica fotografica per pubblicazioni internazionali e per artisti. È stata guest-editor per OjodePez magazine 41: “Self Calling” e guest-editor al Read or die Publishing Fair in Barcellona (Novembre 2015), esplorando il tema: “The Book: on Endless Possibilities. Ha recentemente co-editato, insieme a Lukas Birk (Fraglich Publishing) due libri d’artista: Fernweh and Gülistan (vincitore del PhotoEspaña Best Photobook Award 2019 (Categoria Internazionale).

Orari e Informazioni

Venerdì 6 marzo, ore 19:
Natasha Christia,
Ripensare il libro (fotografico)
Un racconto attraverso taccuini di ricerca e progetti curatoriali
Conferenza aperta al pubblico

2 weekend di formazione

Sabato 7 - Domenica 8 Marzo:
Cosa è o può essere un’esposizione? Cos’è la curatela?

Sabato 14 - Domenica 15 Marzo:
Workshop pratico

Leporello, Via del Pigneto, 162/e – Roma
info@leporello-books.com