Il SABATO SAREMO CHIUSI FINO A SETTEMBRE!
Chiudi

Antonio Di Cecco, In Pieno Vuoto, 2013

20 Euro

DSCF3349-2

1 disponibili

La struttura della narrazione visiva si basa su una doppia partitura: una ricognizione geografica e una cadenza cronologica. Il territorio attraversato da Antonio di Cecco è quello del cratere dell’onda sismica che ha colpito L’Aquila e la sua provincia il 6 aprile 2009. La durata di questa ricognizione ha coperto ben tre anni, dal 2009 al 2011 e a riguardato L’Aquila, il progetto c.a.s.e., i m.a.p. e le edificazioni spontanee, e infine i centri minori del cratere.

Si è scelto di ribaltare la progressione cronologica generalmente adottata nella narrazione di eventi, e così iniziare con le fotografie scattate nel 2011 e muoversi a ritroso attraverso il 2010 e il 2009. Così da far emergere due dati importanti: l’urgenza di occuparsi di quel territorio oggi ancora più di ieri, e fissare lo sguardo non tanto sulla devastazione causata dall’evento sismico quanto piuttosto sulle conseguenze che l’operato dell’uomo ha avuto e continua ad avere nel processo di riconfigurazione del territorio aquilano.

In Pieno Vuoto

Antonio Di Cecco, Peliti Associati,  2013

Testi di Benedetta Cestelli Guidi, Antonio Di Cecco, Laura Moro

22.2 x 20.2 cm

120 pagine,  copertina morbida

Italiano, Inglese

ISBN-13  978-8889412442

Vedi tutti i libri dell’autore