Ariella Azoulay, CIVIL IMAGINATION: ONTOLOGIA POLITICA DELLA FOTOGRAFIA, 2018

24 Euro

libri per sito023 cop

1 disponibili

Per Ariella Azoulay, capire la fotografia non significa solo valutare delle fotografie. La foto è solo un evento in quel processo che costituisce una fotografia e comporta sempre uno spettatore effettivo o potenziale nel rapporto tra il fotografo e la persona ritratta. Lo spostamento a fuoco da prodotto a praticante, delineato in Civil Imagination, mette in luce il modo in cui le immagini possono potenziare e resistere alla realtà opprimente imposta sulle persone raffigurate. Azoulay sostiene che il “civile” va distinto dal “politico” così come la rivendicazione ontologica della necessità di distinguere tra pubblico e privato costituisce la base per un discorso civile. Il libro di Azoulay traccia nuove prospettive di azione civile per i cittadini, ma anche per quei soggetti ai quali si nega la cittadinanza – partner inevitabili in una realtà che sono invitati a immaginare di nuovo e a ricostruire.

Ariella Azoulay, Civil Imagination: Ontologia politica della fotografia
Postmedia Books
2018
272 pagine
72 illustrazioni
Copertina flessibile
Italiano